loading website

Reclami, ABF e Conciliazione

Reclami

Pitagora dedica grande attenzione alle esigenze della clientela durante tutta la fase del rapporto contrattuale e considera da sempre la correttezza nelle relazioni con la stessa un impegno costante del proprio operato.

In ottemperanza ai principi di trasparenza e alla normativa di settore i reclami sono oggetto di una gestione efficace ed efficiente in grado di rispondere al meglio alle doglianze espresse e di evitare il possibile insorgere di contenziosi.

Si intende qui fornire specifica informativa sulle modalità di inoltro dei reclami e di trattazione degli stessi da parte dell’ufficio incaricato della gestione, nonché i riferimenti di contatto.

Per eventuali contestazioni in merito a comportamenti o omissioni inerenti i prodotti e servizi offerti, puoi presentare un reclamo scritto.

A tal fine ti mettiamo a disposizione il modulo di reclamo. Saranno presi in carico anche i reclami presentati in altra forma purché contengano i dati del Cliente, l’oggetto della doglianza, la sottoscrizione e gli estremi che consentano l’identificazione chiara del cliente (documento d’identità in corso di validità). Qualora il reclamo sia presentato tramite un delegato o procuratore, il reclamo dovrà essere corredato della delega o della procura conferita dal titolare del finanziamento.

Al reclamo dovrà inoltre essere allegata l’eventuale documentazione ritenuta utile.

Il reclamo può essere inviato con le seguenti modalità:

  • a mezzo posta all’indirizzo PITAGORA S.p.A., Ufficio Legale – Gestione Reclami, Corso Marconi n. 10 10125 Torino (TO)
  • via fax al n. 011.3341249,
  • all’indirizzo di posta elettronica (e-mail) reclami@pitagoraspa.it,
  • a mezzo PEC all’indirizzo ufficio.reclami@pec.pitagoraspa.it.

Pitagora provvederà ad evadere i reclami per iscritto entro il termine di 60 (sessanta) giorni dalla data della loro ricezione, a seguito dell’esame della doglianza ed effettuati gli approfondimenti del caso (anche con le strutture e/o i soggetti coinvolti).

Al ricevimento del reclamo ti verrà inviata una comunicazione di presa in carico (tramite lettera o e-mail) con l’indicazione del tempo massimo entro cui verrà fornito un riscontro, e comunque nei tempi sopra indicati.

Qualora il reclamo sia ritenuto fondato e venga accolto, Pitagora si impegna ad assumere le iniziative necessarie per la risoluzione della problematica, indicando i tempi entro i quali le stesse verranno realizzate.

Qualora il reclamo sia ritenuto infondato, ti verrà fornita un’illustrazione chiara ed esauriente delle motivazioni del rigetto.

Se non sei soddisfatto o non hai ricevuto risposta, puoi rivolgerti all’Arbitro Bancario Finanziario (“ABF”).

Rendiconto sull’attività di gestione reclami

 

Arbitro Bancario Finanziario

L’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) è un sistema di risoluzione alternativa delle controversie (ADR) che possono sorgere tra i clienti e le banche e gli altri intermediari in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari.

Rappresenta un’opportunità di tutela semplice, rapida ed economica rispetto a quella offerta dal giudice ordinario.

Per maggiori approfondimenti in merito alla procedura davanti all’ABF:

Il ricorso all’ABF va presentato online, registrandosi e accedendo al Portale tramite il sito
www.arbitrobancariofinanziario.it

Per maggiori informazioni sul Portale e sulle modalità di funzionamento, consulta la Guida all’utilizzo del Portale ABF e i video illustrativi predisposti dall’ABF ai seguenti link

Si precisa, per maggior chiarezza, che La presentazione del ricorso in modalità cartacea sarà consentita soltanto se il ricorrente intende presentare ricorso nei confronti di:

  • due o più intermediari contemporaneamente;
  • un intermediario estero che opera in Italia in regime di libera prestazione di servizi;
  • un confidi ai sensi dell’art. 112, comma 1, del TUB.

In caso di utilizzo della modalità cartacea, il modulo di ricorso potrà essere inviato, unitamente a tutta la documentazione, per posta o via fax alla Segreteria tecnica competente o a qualsiasi Filiale della Banca d’Italia oppure tramite consegna a mano presso una Filiale della Banca d’Italia aperta al pubblico.

Si ricorda che, un ricorso presentato in modalità cartacea fuori dai casi previsti, non potrà essere preso in considerazione dall’ABF.

Per ogni ulteriore informazione in merito si rimanda al sito www.arbitrobancariofinanziario.it

Conciliazione paritetica

Pitagora aderisce al Protocollo di conciliazione paritetica, sottoscritto nel luglio 2017 tra Assofin e le Associazioni dei consumatori aderenti al Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti.

La procedura di conciliazione paritetica costituisce un valido strumento per risolvere in modo semplice e veloce (non può durare più di 90 giorni) le controversie tra intermediari bancari/finanziari e consumatori, alternativo all’Arbitro Bancario Finanziario, alla mediazione civile e alla giustizia ordinaria.

Tale procedura è, inoltre, gratuita e non richiede l’assistenza di un legale.

La conciliazione paritetica rappresenta un valido strumento per:

  • migliorare il dialogo tra consumatori e intermediari finanziari;
  • risolvere le controversie in maniera rapida ed efficace;
  • garantire una maggior tutela dei consumatori.

 Per poter accedere alla procedura è necessario compilare il modulo di richiesta, che può essere presentato con le seguenti modalità:

  1. mediante consegna diretta presso le filiali dell’intermediario,
  2. per posta (tradizionale o elettronica) o, se presenti, tramite apposite applicazioni internet all’intermediario,
  3. attraverso una delle Associazioni dei Consumatori aderenti alla procedura di conciliazione.

La conciliazione paritetica può essere attivata soltanto in seguito ad un reclamo all’intermediario bancario/finanziario rimasto inevaso o la cui risposta è stata valutata insoddisfacente.

Per saperne di più consulta il Protocollo e Regolamento di Conciliazione.