4

Dal 5 febbraio 2018 è attivo il nuovo Portale dell’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) che consente ai clienti di servizi bancari, finanziari e di pagamento (ricorrenti) di trasmettere e gestire i ricorsi interamente on-line.

Per presentare un ricorso online all’ABF, sarà necessario registrarsi e accedere al Portale tramite il sito www.arbitrobancariofinanziario.it ove sarà possibile reperire altresì informazioni sul funzionamento dello stesso mediante la consultazione della Guida all’utilizzo del Portale ABF o la visione dei video illustrativi predisposti dall’ABF.

Si precisa, per maggior chiarezza, che il  ricorso potrà essere presentato in modalità cartacea unicamente nei seguenti casi:

  • fino al 5 agosto 2018, se il ricorrente non è assistito da un professionista, persona di fiducia o da un’associazione di categoria;
  • fino al 30 giugno 2019, se il ricorrente, anche se assistito da un professionista, persona di fiducia o da un’associazione di categoria, intende presentare ricorso nei confronti di: due o più intermediari contemporaneamente; un intermediario estero che opera in Italia in regime di libera prestazione di servizi; un confidi ai sensi dell’art. 112, comma 1, del TUB.

In caso di utilizzo della modalità cartacea, il modulo di ricorso potrà essere inviato, unitamente a tutta la documentazione, per posta o via fax alla Segreteria tecnica competente o a qualsiasi Filiale della Banca d’Italia oppure tramite consegna a mano presso una Filiale della Banca d’Italia aperta al pubblico.

La trasmissione dei ricorsi tramite posta elettronica certificata (PEC) sarà consentita fino al 5 aprile 2018. A partire dal 6 aprile 2018 non sarà più possibile utilizzare la PEC.

Si ricorda che, un ricorso presentato in modalità cartacea fuori dai casi previsti, non potrà essere preso in considerazione dall’ABF.

Per ogni ulteriore informazione in merito si rimanda al sito www.arbitrobancariofinanziario.it